giovedì 27 ottobre 2011

PASTA CON CAVOLO VERDE....in Puglia : "pasta e cime"



Per tutta la stagione autunnale e invernale le varietà di cavolo sono abbondanti e a buon mercato.

La loro bontà e versatilità fa si che siano spesso presenti nella cucina regionale pugliese, ma credo anche in tutto il  territorio nazionale.
Le varietà hanno colori diversi che vanno dal bianco al verde al violetto,ma tutte hanno ottimo gusto e....la peculiarità dell'odore!
Ricchi di potassio fosforo e vitamina C non dovrebbero mai mancare nella nostra dieta, aldilà del suo odore, in tutti i suoi colori e varità!
In Puglia la coltivazione è abbondante e con facilità qui a Trani si acquistano dai contadini che le vendono nei "bassi" (sottani) che adibiscono a bottega, insieme ad olive da friggere e altre produzioni locali come bietoline e cime di rapa.
 Un piatto tradizionale è quello che chiamiamo "cime e pasta" dove come trafila principe vengono usate le orecchiette di grano duro ma con qualunque tipo di pasta corta il risultato è assicurato.
Ho abbinato il cavolo anzi  ( lo chiamo confidenzialmente ) la cima  alle penne rigate.





ingredienti

1,500 gr. di cavolo verde (peso lordo)
200 gr. di pasta ( se si usano le orecchiette fresche raddoppiare la dose)
120 gr. di olio evo
la mollica di un panino raffermo
2 cucchiai di pangrattato
sale q.b.
pepe q.b.


Pulire il cavolo selezionando le cimette e praticando alla base un taglio a croce ( non farle troppo grandi così cuociono prima elargendoci  meno profumo ).
Mettere a bollire una pentola che possa contenere sia l'ortaggio che la pasta.
Nel frattempo che l'acqua arrivi a bollire sminuzzare la mollica di pane, metterla in un padellino con l'olio e lasciar rosolare. Deve diventare dorata. A questo punto spegnere il fuoco e versare i cucchiai di pangrattato che per effetto del calore dell'olio dorerà anch'esso.
A bollore versare nella pentola d'acqua le cimette di cavolo e il sale.
Quando queste saranno praticamente cotte  versare la pasta e continuare per i minuti riportati sulla confezione.
Attenzione : se si usano orecchiette fresche, il cavolo dovrà essere completamente cotto in quanto la pasta fresca è pronta in 3 o 4 minuti.
A cottura della pasta scolare per bene rimettere nella pentola e unire l'olio con il pane croccante.
Mescolare per far ben distribuire il condimento e servire.
Su ogni piatto , se piace, una spolverata di pepe macinato al momento ed eventuale "giro" di olio crudo.
La "cima" deve essere spappolata per  amalgamarsi alla pasta ,è fondamentale per la bontà del piatto!
Non devono essere due ingredienti distinti ma un tutt'uno con l'olio e il pane "sfritto".









17 commenti:

  1. adoro le verdure,cavoli compresi e così tutte le loro preparazioni ..anche se non sembra li mangio spesso :-))) ..ottima questo tuo primo...bacioni

    RispondiElimina
  2. Ottimaaaaaaa.. Io li adoro..cavoli.. cavolfiore.. broccoli!!! Ho fatto 3 gg fa una pasta al cavolfiore... la vedrai nei prox giorni. Intanto me pappo la tua con la mollica tostata!!!! smackkk

    RispondiElimina
  3. Una preparazione davvero interessante e gustosissima!!Quel piattino mi ha aumentato la salivazione!! Complimenti cara! Un abbraccio.

    RispondiElimina
  4. Lo faccio anch'io e trovo la pasta condita in questo modo deliziosa, ciao

    RispondiElimina
  5. Adoro questo periodo dell'anno proprio perchè si affacciano sul mercato cavoli, cavolfiori, cime di rapa.. le adoro tutte, incondizionamente: e questa pasta è un vero riassunto di bontà, brava!

    RispondiElimina
  6. Favolosa,adoro la pasta con verdure di qualsiasi tipo,ma questa è una delle preferite!Babà e bignè

    RispondiElimina
  7. ciao Anna, mi inchino davanti alla tua pasta e alla maestria di voi pugliesi in questo genere di piatti.. buona serata!

    RispondiElimina
  8. ammazza che invitante!!!!!!!baci!

    RispondiElimina
  9. Hello, annaferna.

    The excellent and lovely work.

    The autumn profound, painted space

    The prayer for all peace.
    from Japan, ruma ❋

    RispondiElimina
  10. che buono il cavolo! i cavoli, insomma adoro le verdure, ortaggi in assoluto! anche io ci faccio spesso la pasta, è buonissima, mai messo la mollica di pane però, è un idea!! p.s. .. si le le foglie di rape, buone lesse e stufate, sono dolci e saporite.. ciao carissima!

    RispondiElimina
  11. Un piatto molto appetitoso e invitante, bravissima, un abbraccio

    RispondiElimina
  12. Così siamo pari: da te non si trova il cavolo nero e da noi non si trovano le cime... facciamo che un fine settimana vieni qui, io ti cucino la ribollita e il successivo tu ricambi il favore?

    RispondiElimina
  13. con le orecchiette poi.. è la morta sua no?! buona davvero

    RispondiElimina
  14. Ottime questa pasta alle cipe di rapa.... certo con le orecchiette erano la sua morte :-)
    Brava!!!!
    Sono una tua followers
    se ti va passa a trovarmi, sei la benvenuta...

    LaMagicaZucca

    www.lamagicazucca.blogspot.com

    RispondiElimina
  15. ops.... mi sono lasciata ingannare dal titolo... hai scritto : in puglia pasta e cime.... e ho collegato sbagliando!!!!
    adesso faccio un'altra gaffe.... cavolo verde è il broccoletto o il cavolfiore verde?

    RispondiElimina
  16. Noto tanta verdura e poca pasta come piace a me che buonaaa!!!

    RispondiElimina

grazie per essere passati a farmi visita,qualunque sia il vostro commento ,è gradito.
I commenti anonimi non saranno pubblicati.