sabato 19 gennaio 2013

I BISCOTTI PER LA COLAZIONE DI PEPPE....LEGGEEEEERI!!!!!

Anni fa mi ero cimentata nel preparare le nostre scarcelle pasquali con ammoniaca al posto del consueto lievito per dolci. Ma si sa , tante delle cose che facciamo spesso finiscono nell'antro del dimenticatoio e non ci pensi più! 
Poi accade che nel fantastico mondo che ormai hai fatto tuo, popolato da tante persone che non conosci di persona ma che stimi e con cui scambi ricette opinioni e sorrisi in questo mondo leggi un post che ....paff...ti risveglia la memoria e allora decidi che quella ricetta postata la devi fare e ricordi anche che quel profumo (?) di ammoniaca che si sprigiona mentre cuoci questi biscotti non lo ritroverai nel loro gusto. E ricordi proprio come tanti anni fa quella paura ti assalì perchè quei dolci erano un gentil pensiero per un parente lontano!! Magico mondo del web che ci accomuna anche nei ricordi! E ricordi anche la leggerezza e friabilità di questa pasta e la sua bontà nel tradizionale inzuppo!!
E ricordi tutto questo e non ricordi la ricetta  e le dosi e allora mille volte grazie a Peppe per averla postata con una foto golosa e accattivante a cui non ho saputo resistere...e così mi son rifatta il palato con i suoi biscotti che in parte io ho farcito con marmellata di uva.
La mia aiuto cuoco personale che vedete in fondo a questo post qui  ha fatto anche questa volta la sua parte anche perchè era ben in forze dopo la pappa fatta dalla nonna.









Ingredienti

500 gr. di farina per dolci
150 gr. di zucchero a velo ( Peppe 130)
2 uova
60 gr. di latte
80 gr. di olio di oliva
la buccia grattugiata di 1 limone
15 gr. di ammoniaca
1 bustina di vanillina
1 pizzico di sale

Ho lavorato a lungo le uova con zucchero a velo, buccia di limone,pizzico di sale e vanillina ho poi unito olio ammoniaca sciolta nel latte tiepido e qualche cucchiaio di farina. In corso di lavorazione ho finito di unire la farina. L'impasto è pronto, ho appallottolato, avvolto in pellicola e messo in frigo per 15 minuti. Ho steso la pasta tirandola con l'aiuto di poca farina sulla spianatoia fino a raggiungere lo spessore di 1/2 cm. ho ritagliato e cotto a 170° per circa 15 minuti.
Insomma ho seguito per filo e per segno l'insegnamento di Peppe.
Sono proprio i biscotti che ricordavo io.
Grazie Peppe!!!!!




Una parte dei biscotti li ho farciti con confettura di uva fatta in casa. In questo caso ho assottigliato un po' la pasta.



Ogni volta che condivido una ricetta con altri blogger ringrazio il "santo web" di averci fatto incontrare!!
Peppe, la friabilità e la leggerezza dei tuoi biscotti  è assolutamente favolosa...grazie ancora! 

12 commenti:

  1. Wowwww ammazza che biscotti!!! si vede che son quei classici da inzuppo!!! Io non ho mai utilizzato l'ammoniaca per fare i biscotti.. non saprei nemmeno dove trovarla!!! Complimenti davevro.. sanno di buono!!! baciotti

    RispondiElimina
  2. Ciao Anna questi tuoi biscotti sono (si vede) molto buoni
    ho piacere di trovarti di tanto in tanto ..e mi scuso ma riesco poco a passare dai blog e mi dispiace mi auguro di riuscire più avanti come un tempo, ciao Felice domenica a tutti voi

    RispondiElimina
  3. Io devo ancora cimentarmi con l amminica che mi fa sempre un po' paura ma credimi a vedere questi biscotti mi fa una voglia provare!!! Devono essere una squisitezza se poi son buoni per l inzuppo Fano proprio per me che amo tuffarli nel latte !!!
    Un bacione

    RispondiElimina
  4. Che bella nonna che sei e che nipotina dolce che ho visto nella foto.
    Hai ragione,i biscotti con l'ammoniaca sono meravigliosi.In Sicilia la usiamo tantissimo nei nostri dolci.
    Un abbraccio e buona domenica a te.

    RispondiElimina
  5. leggeri e poi me li presenti anche ripieni ^.^ golosissimi!!ciao cara!

    RispondiElimina
  6. Anna ma quanto è meravigliosa la tua aiutante personale??? Una vera tira baci!!! Dagliene uno da parte mia!
    Come hai ragione, che certe ricette finiscono nel dimenticatoio, accade spessissimo anche a me! Ma se "risorgono" poi queste delizie... ben venga! Bravissima Anna e... grazie anche a Peppe che ha consentito di farti postare questi deliziosi biscotti! Ti abbraccio stretta stretta ^__^ Any

    RispondiElimina
  7. Sono felice per averti fatto rivivere ricordi, sapori e profumi di una volta . Il web serve a questo, almeno per me è puro scambio e condivisione, arricchimento e fantasia . Sono contentissimo che ti siano piaciuti e che ti siano venuti benissimo anche nella versione farcita. un abbraccio di cuore,Peppe.

    RispondiElimina
  8. Cara Fernanda uso raramente l'ammoniaca nei biscotti ma credo che tu abbia postato la ricetta tentatrice che mi invoglierà a prepararli..
    E devo dire che quello farciti con la marmellata, almeno a me, fanno più gola!!!
    Un bacione grande

    RispondiElimina
  9. quelli imbottiti con la confettura fatta in casa sono libidinosi! e allora grazie santo web che ci hai fatto incontrare :))
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  10. Mo mo moooo, cosa mi hai fatto venire in menteee!!
    Me li ricordo, eccome se me li ricordo! Da noi li chiamavamo zuccherini, fantastici!
    Bravissima!

    RispondiElimina
  11. Oh questi sono da inzuppo estremo!! favolosi!!!!!!!!!!!!!!baci!

    RispondiElimina

grazie per essere passati a farmi visita,qualunque sia il vostro commento ,è gradito.
I commenti anonimi non saranno pubblicati.