venerdì 31 gennaio 2014

TRECCIA RIPIENA CON ESUBERO DI PASTA MADRE....MI SONO LIBERAMENTE FATTA ISPIRARE DALLA RICETTA DI A. SCIALDONE


Per Natale mi sono fatta un piccolo regalo, magari in ritardo, ma la curiosità di leggere Antonella Scialdone mi frullava in testa. e così ho comperato il suo libro "La pasta madre". L'ho sfogliato e letto , ma niente di nuovo per quanto riguarda le tecniche e l'uso del lievito madre. Comunque è sempre utile leggere altri pareri e confrontarsi. Alla fine della parte teorica riguardo al lievito ho però trovato diverse ricette sfiziose. Naturalmente non vado di grado in grado ma comincio dall'ultima...e te pareva !
Ho preso spunto dalla sua ricetta per impiegare dell'esubero di lievito che mi cresceva in frigo.
Seguitemi




Ingredienti

impasto
220 gr. di farina0
100 gr. di latte di soia ( lei fermentato)
100 gr. di lievito madre non rinfrescato (lei 70 gr.rinfrescato)
40 gr. di burro
60 gr. di uovo (1)
4 gr. di zucchero
6 gr. di sale
6 gr. di origano secco macinato (mia aggiunta)

ripieno

100 gr. di formaggio dolce a pasta semidura ( io galbanone e emmentaler )
50 gr. tra prosciutto cotto e prosciutto crudo
4 pomodori secchi a piccoli pezzi
6 funghetti sott'olio
ovviamente il ripieno può variare secondo i gusti

sera

Preparare l'impasto sciogliendo nel latte leggermente tiepido il lievito a pezzettini e lo zucchero, scioglierlo meglio che si può. Versare nella planetaria e con il gancio a foglia unire a velocità minimal'uovo e la farina. lasciar amalgamare per bene il tutto quindi cominciare ad unire il burro a pomata un pochino per volta aspettando che il pezzetto sia assorbito prima di unire l'altro. Terminato il burro unire il sale e l'origano quindi passare al gancio a uncino, aumentare gradatamente la velocità portandola a livello medio lasciando incordare l'impasto. Raccogliere l'impasto formando una palla, coprire e lasciare in ciotola della planetaria per un'ora.
Trasferire sulla spianatoia infarinata, appiattire l'impasto cominciando a dare una serie di pieghe a tre. Formare il panetto e metterlo in una ciotola leggermente unta d'olio, coprire con pellicola e lasciar lievitare per tutta la notte in luogo caldo ( forno spento con lucina accesa per esempio) e comunque fino a raddoppio dell'impasto in ciotola.




Al mattino sarà raddoppiato. Prepariamo il ripieno tritando tutti gli ingredienti. Versare l'impasto sulla spianatoia infarinata



 e con il matterello stendiamolo in un rettangolo spesso circa 1/2 cm , delle misure approssimative di cm 30x38. Dividiamolo in tre strisce nel senso della lunghezza




Distribuiamo il ripieno al centro di ogni striscia e richiudiamo i lembi del lato lungo su se stessi










formiamo la treccia



e posizioniamola sulla leccarda coperta di carta forno. Mettiamola a lievitare per 3 ore coprendola con pellicola nel forno spento con lucina accesa. Quando vedremo il suo raddoppio






 estraiamola dal forno che accenderemo alla temperatura di 180° statico . Aspettando che il forno raggiunga la temperatura indicata, spennelliamo la treccia con tuorlo d'uovo sbattuto con un po' di latte. Cuocere per 35 minuti circa






14 commenti:

  1. Uhhh Annina che treccia paradisiaca e quel ripieno....Deve essere deliziosa. un abbraccio e buon w.e.

    RispondiElimina
  2. Caspiterina che meraviglia ! sofficiosa :)
    Anche io amo i libri sulla panificazione, ne compro sempre di nuovi perché mi piace confrontare le varie tecniche..e poi, c'è sempre qualcosa di nuovo da imparare :)
    Ti abbraccio, buon week-end <3

    RispondiElimina
  3. ...e mi segno anche questa!!!
    Sai che ho fatto le tue brioches con esubero...be' per spiegarti quanto sono piaciute a tutti (nanetti compresi) ti dico solo che il fotografo non è riuscito a fotografarle!!! La prox volta le devo nascondere!!!
    Favolosa questa treccia...golosissima!!!

    Un abbraccio e buon fine settimana
    monica

    RispondiElimina
  4. Stupenda questa treccia!! Ti è venuta una meraviglia!!
    Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  5. Anna hai creato una treccia soffice e bella ed immagino la bontà, buon w.e. Enrica

    RispondiElimina
  6. Origano nell'impasto.... mitica!!!!
    Ahh, anche io sarei partita dall'ultima ricetta. Normale, mai!!! Ahahahahahahah
    Un abbraccio cara, buon weekend.

    RispondiElimina
  7. Annina, io oggi ho fatto tanto rinfresco perché ho tanta voglia di esubero!!! Bellissima, come intrecci tu, nn lo fa nessuno! Mi tenta il morso....

    RispondiElimina
  8. Noooooo, ma questa la faccio...la devo fare!!!! Che profumo, meravigliosa! Un bascione e buon w.e.

    RispondiElimina
  9. bellissima ma di sicuro buonissima!!! Mi sa che tu ne sai un bel po' sui lievitati senza leggere la Scialdone ma è vero che il confronto aiuta la crescita. Adoro mettere le erbe profumate nei lievitati e il tuo è in vero stile mediterraneo, ottimo!
    baci Anna cara e buona domenica!

    RispondiElimina
  10. a dir poco fantastica anna è perfetta complimenti

    RispondiElimina
  11. Un impasto lievitato alla perfezione, davvero complimenti per questa delizia che, nella versione salata è davvero irresistibile!!!! Mi sa che vado a cercarmi il libro di cui parli.
    Buona serata!

    RispondiElimina
  12. Anna cara i libri di cucina ci insegnano molte cose io ne comprerei sempre!!! tu con i lievitati sei fantastica guarda che treccia perfetta hai fatto!!! come ne vorrei un pezzo!!!
    un bacione

    RispondiElimina
  13. grazie per essere stata premurosa e gentile....questa treccia mi invoglia tantissimo...sarà mia! :) da adesso ti seguirò volentieri ;)
    ancora complimenti per il tuo blog <3

    RispondiElimina

grazie per essere passati a farmi visita,qualunque sia il vostro commento ,è gradito.
I commenti anonimi non saranno pubblicati.