martedì 4 agosto 2015

POMODORI AL FORNO RIPIENI DI RISO


Nell'orto assolato le piante dei pomodori avevano ormai l'aspetto di un gioioso albero di natale:ricco di sfere rosse che al sole luccicavano e sfiorate rilasciavano una essenza profumata che riportò Annaferna indietro nel tempo, alla sua giovinezza, alle giornate caldissime trascorse in campagna nella villa dei suoi genitori .
In quel piccolo angolo di paradiso della sua giovinezza ogni anno nei mesi più caldi la famiglia cercava refrigerio tra le mura spesse , portanti della antica costruzione, abbandonando le roventi pareti della casa di città.
E tra quelle mura, in compagnia della mamma spesso, rinunciando al mare, si passavano liete ore in cucina a preparare insieme un pranzo ricco di sapori.
e da questi ricordi riaffiora una ricetta estiva , profumatissima, leggera e molto facile. Ottima sia calda che fredda , che potremo gustare in queste giornate caldissime senza tanti sensi di colpa.

Il pomodoro: povero di calorie e ricco di sali minerali, oligoelementi, licopene, fosforo, potassio, vitamine.
Una fonte inesauribile in cucina, un valido alleato per la nostra salute; mangiato crudo da il massimo dei suoi benefici, ma ultimamente si è scoperto che il licopene in cottura non viene perso e sappiamo bene che il licopene è un eccellente antiossidante naturale, bastano 100 gr. di pomodoro consumati tre volte la  settimana per far si che il licopene in esso contenuto svolga il suo effetto benefico.
In questa ricetta ci sono pochissimi ingredienti che esalteranno il sapore estivo legato al pomodoro.









Ingredienti

6 pomodori rossi e sodi
6 cucchiai di riso arborio
1 spicchio di aglio (se gradite)
250 gr. di polpa di pomodoro
un bel ciuffo di foglie di basilico
1 rametto di prezzemolo
olio q.b.
sale e pepe q.b.
2 patate a spicchi (facoltativo)




Sciacquare il riso e metterlo in ammollo il tempo di preparare i pomodori.
Lavare i pomodori, tagliarli vicino al picciolo in senso orizzontale ricavando una calotta che terremo da parte.
Con un cucchiaino raccogliere in una ciotola  parte della polpa dei pomodori, scartando l'eccesso di semi, creando così il "nido" che raccoglierà il ripieno. Salare leggermente i pomodori e metterli momentaneamente da parte a testa in giù. 
Nella ciotola, dove abbiamo raccolto la polpa estratta dai pomodori, amalgamare,aglio tritato, basilico spezzettato, prezzemolo tritato, il riso scolato dell'acqua, sale e pepe e condire con poco olio.
Mescolare il tutto e riempire i pomodori con uno o due cucchiai di composto fin quasi all'orlo.
Posizionarli con le calotte a richiudere in una teglia da forno unta di olio. Condire ancora con un giro di olio e sale.
Se si vuole si possono aggiungere degli spicchi di patate precedentemente conditi con poco olio e sale che faranno da accompagnamento .
Cuocere in forno statico a temperatura a 240° per circa 40 minuti, coprendo magari verso la fine con un foglio di alluminio per evitare che  la superficie bruci troppo.









Vi ricordo che potrete seguirmi anche sulla pagina facebook collegata al blog.

venerdì 24 luglio 2015

TIMBALLO DI ZUCCHINE PASTA E COZZE

E' durante il girovagare tra le pagine virtuali che mi sono imbattuta in una foto che ha subito solleticato la mia fantasia:
la foto di una teglia con pasta zucchine e cozze; leggendo scopro che si tratta di una ricetta nota in  un paese qui in Puglia, Noci, e la cosa mi incuriosisce parecchio. L'ispirazione per questa mia nuova proposta mi è data da Sebastiano d'Onghia, chef dell'hotel "Miramonte party" di Noci in Puglia , a cui son giunta attraverso i "discorsi" sul social fb con una carissima amica blogger Anna cui sono legata da grande stima sin dagli albori del mio spazio virtuale.
La sua esecuzione l'ho elaborata solo guardando le foto e sicuramente non è identica alla ricetta originale.
Chiedo sin da ora scusa all'autore della ricetta per la mia modestissima interpretazione.




Ingredienti per una teglia 20x30

250 gr. di pasta formato ziti napoletani

2 chili di cozze (peso lordo)
3 o 4 zucchine chiare di medie dimensioni
2 uova
2 mezzi gusci d'uovo di acqua
2 cucchiai di formaggio grattugiato ( io pecorino romano)
prezzemolo
sale e pepe q.b.
olio il necessario ma senza parsimonia.

Ovviamente si comincia col pulire le cozze e raccoglierne il frutto in una scodellina compresa la loro acqua. Condirle con prezzemolo tritato fine, pepe e olio e mettere in frigo fino all'utilizzo.
Affettare con una mandolina le zucchine nel senso della lunghezza. Ungere la pirofila scelta per la cottura con olio e rivestirla con le fettine di zucchine, salare leggermente.





preparare un miscuglio di formaggio prezzemolo poco sale e pepe.
sbattere le uova con due mezzi gusci di acqua, sale, pepe , formaggio e prezzemolo e tenere da parte.
Spezzare gli ziti in quattro parti e lessarli per 4 minuti in acqua e sale.
Scolar e la pasta e irrorare con poco olio, condire con formaggio e prezzemolo. Versare nella pirofila ricoperta con le fettine di zucchine, condire ancora la pasta con poco formaggio e prezzemolo
Prelevare le cozze dal liquido contenuto nella ciotola dove le abbiamo riposte e distribuirle sulla pasta. Filtrare con un colino a maglie strette il liquido e cospargerlo sulle cozze.
Ora ricoprire il tutto con le uova sbattute e ripiegare sul tutto i lembi delle zucchine coprendo con alre fettine gli spazi rimasti scoperti. Spolverare con formaggio e pangrattato e infornare a 220° modalità statico per 40 minuti.


Volendo si può dividere la quantità di pasta e tra i due strati mettere le cozze, piuttosto che metterle come copertura.

Vi ricordo che potete anche seguirmi sulla pagina facebook  legata al blog.

lunedì 20 luglio 2015

LASAGNE CON VERDURE 2.0


Sinceramente con il caldo umido e soffocante di questi giorni  la cosa che più mi pesa è restare vicino ai fornelli nelle ore più calde della mattina che coincidono con l'ora del pranzo.

Per fortuna ho spazio e ombra la mattina sul balcone adiacente alla cucina e ho spostato il mio adorato sfornatutto De Longhi all'aperto così da non infuocare ulteriormente la mia cucina .
Avevo in scadenza una confezione di sfogliavelo Giovanni Rana e delle verdure in frigo.
Così ho dato vita ad un gustoso primo piatto con queste lasagne. 





Ingredienti per una teglia 22x30


1 confezione di sfogliavelo Giovanni Rana
500 gr. di besciamella
100 gr. di acqua e latte
100 gr. di carote
100 gr. di fagiolini
250 gr. di zucchine
250gr. di melanzane
4 foglie di basilico
1 spicchio d'aglio in camicia
50 gr. di pecorino romano grattugiato
50 gr, di parmigiano reggiano grattugiato
sale q.b.
olio q.b.
80 gr. di prosciutto cotto a dadini
100 gr. di scamorza fresca o mozzarella
100 gr. di pomodoro datterino rosso

Prepariamo la besciamella e quando sarà pronta spezzettare al suo interno le foglie di basilico; mettiamola da parte.
Sbucciare in parte la melanzana, tagliarla a dadini e immergere in acqua fredda.
Tagliare a tocchetti i fagiolini e a dadini le carote dopo averle spellate, quindi sbollentarle per 5 minuti in acqua salata, scolare  e tenere da parte.
Tagliare a dadini le zucchine. 
Lo stesso faremo con i pomodori che terremo da parte.
Saltare in padella con poco olio melanzane , zucchine, fagiolini e carote precedentemente sbollentati e l'aglio in camicia. 
una volta rosolati eliminare l'aglio.





Ungere d'olio la teglia e fare un primo strato di sfoglia, quindi distribuire tre cucchiai di besciamella che andremo ad arricchire con parte delle verdure,dadini di pomodoro datterino, prosciutto e mozzarella, condire il tutto con una manciata di formaggi mescolati, poco sale.
Ricoprire con altra sfoglia e proseguire fino alla fine degli ingredienti.
La teglia da me usata contiene due sfoglie per ogni strato.
Terminata la composizione della teglia, condire con besciamella e verdure, basilico spezzettato, formaggio e un giro di olio.





Punzecchiare la superficie e bagnare con la miscela di acqua e latte, avendo cura di distribuirla anche lungo i bordi della teglia.
Cuocere per 30 minuti a 240 gradi.



Lasciar rassettare per trenta minuti prima di servire.





Seguitemi anche sulla pagina facebook legata al blog, dove potremo interagire con più rapidità, pronta a rispondere ai vostri dubbi e quesiti.

venerdì 3 luglio 2015

TORTA NOCI E CIOCCOLATO FONDENTE


Noci e cioccolato una accoppiata perfetta per una torta semplice . Ricetta di una cara amica che ho replicato con piacere. La condivido con voi per farvi partecipi .




Ingredienti stampo cm.22 di diametro

3 uova

130 gr. di farina per dolci
200 gr. di zucchero finissimo
100 gr. di cioccolato fondente fuso
100 gr. di burro fuso e tiepido
35 noci (col guscio)
1 cucchiaino di lievito per dolci

Rompere le noci e raccogliere i gherigli . In ciotola lavorare le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto spumoso. Unire il burro fuso e tiepido e amalgamare al composto di uova e zucchero.
Aggiungere la farina setacciata, il cioccolato fuso e amalgamare bene. Per ultimo il lievito per dolci e una volta incorporato perfettamente unire i gherigli di noci amalgamandoli delicatamente al composto aiutandosi con una spatola.
Versare nello stampo imburrato e infarinato e cuocere in forno modalità statico a 180° per 35 minuti.
Una volta tiepida sformare su un piatto da portata e spolverare di zucchero a velo.





mercoledì 1 luglio 2015

PANE IRLANDESE-SODA BREAD


Il pane irlandese lievita con il bicarbonato di sodio ed è pronto in pochissimo tempo, è perfetto da servire caldo appena sfornato.
Il pane irlandese è ancora oggi prodotto in diverse tradizioni anglosassoni, la spinta acidula al bicarbonato viene data dal latticello.
La forma tipica è quella tonda con un taglio a croce, taluni lo tagliano e cuociono in quarti dando così vita alle "soda farls".
Il suo aspetto è crostoso e farinoso, privo di alveolature ma comunque gustoso e particolare.
Una soluzione a chi magari è intollerante a lievito di birra o madre.
dal libro "Il pane fatto in casa" di Christine Ingram & Jennie Shapter, edizioni DIX 







Ingredienti per due piccole pagnotte 


225 gr. di farina 0 (io 11 proteine W 260)
225 farina integrale (io farina di farro molino Rossetto)
1 cucchiaino di sale
2 cucchiaini di bicarbonato di sodio
2 cucchiaini di cremor tartaro
40 gr. di burro o lardo ( io strutto) morbidissimi
1 cucchiaino di zucchero
300-375 gr. di latticello *


*come preparare il latticello in casa : 250 gr. di yogurt intero bianco, 250 gr. di latte intero fresco, 1 cucchiaino di succo di limone: mescolare e lasciar riposare per 15 minuti.

Accendere il forno a 190° modalità statico
Setacciare le farine con il sale. In una ciotola unire alle farine il bicarbonato e il cremor tartaro. Mescolare, ora unire il grasso scelto e infine lo zucchero. Unire abbastanza latticello fino ad ottenere un impasto morbido. Non mescolate troppo altrimenti il pane risulterà pesante e gommoso. Modellare le due pagnottine e trasferirle su leccarda coperta da carta forno, incidere il pane e infornare cuocendo per 30 minuti.








giovedì 25 giugno 2015

MUSTAZZEDDU

Lo scorso anno, in piena estate, sul gruppo facebook "guppo la pasta madre" mi sono trovata in una conversazione in cui si parlava di un lievitato tipico della Sardegna chiamato MUSTAZZEDDU . Incuriosita mi sono spinta a chiedere ad alcuni amici sardi la ricetta di tale specialità. Ma nell'attesa non ho saputo resistere a sperimentare questa insolita forma dal profumatissimo ripieno usando una parte di lievito che mi aspettava bello pimpante in cucina.
Ed ecco la mia rivisitazione di una specialità sarda fino ad ora a me sconosciuta e non me ne vogliano gli amici di questa meravigliosa regione se ho modificato il ripieno e magari stravolto anche l'impasto.Il risultato  finale però appaga.

Ingredienti

500 gr. di semola rimacinata (senatore Cappelli)

275 gr. di acqua
150 gr. di lievito madre rinfrescato e raddoppiato
25 gr. di olio
10 gr. di sale

per il ripieno:

kg. 1.5 di pomodori rossi e sodi (varietà ciliegina o datterino)

una bella manciata di foglie di basilico fresco
uno spicchio di aglio tritato finemente
sale e pep q.b.
olio
una piccola mozzarella

In planetaria: spezzettare il lievito madre, unire la farina e a velocità minima aggiungere l'acqua poco per volta, alla fine anche il sale. Portare a incordatura. Trasferire su piano infarinato, pirlare e mettere a lievitare fino a raddoppio in ciotola unta di olio.
a raddoppio avvenuto trasferire su piano di lavoro infarinato, sgonfiare leggermente l'impasto, coprire e lasciar riposare per un'ora. Nel frattempo tagliare a piccoli spicchi i pomodori privandoli dell'acqua in eccesso, raccoglierli in un colapasta in modo che continuino a perdere acqua in eccesso.
Stendere l'impasto a formare un disco dello spessore di circa 2 cm, coprire e lasciar riposare ancora trenta minuti.
Raccogliere i pomodori in una ciotola e condirli con aglio,basilico,mozzarella,sale, pepe e olio.
farcire il disco richiudendolo poi in modo da lasciare il centro aperto, pizzicare i bordi.
Infornare a 240° modalità statico per circa 50 minuti.