mercoledì 2 ottobre 2013

PANE 100% INTEGRALE CON LIEVITO MADRE


Mi sono innamorata forse troppo tardi dei prodotti fatti con farina integrale. Anzi no! Diciamo che ho potuto cominciare a farmeli da me troppo tardi. Quel gusto che hanno.... quello mi piace da sempre ma diciamo la verità sul mercato è da pochi anni che il loro apporto positivo è stato capito e trasformato in presenze massicce di farine integrali di grano e di altri cereali preziosi.
Poi con la mia dieta mi sono appiccicata a loro come una cozza e la mia dispensa ora ne è fornita e i miei pani profumano di buono all'ennesima potenza.
Il mio "vito" poi che ha rischiato la radiazione la scorsa settimana oggi si è rimesso in riga ahahahah paiuuuuura eh? riga dritto che se no so cavoli tuoi lievituccio del mio cuor .
Da una ricetta di Sara Papa  un pane integrale con semi di zucca che mi ha rapita......io i semi all'interno questa volta non li ho messi perchè ne avevo pochi e ho sostituito con semi di sesamo...
allora sarà bene andare in cucina e vedere grazie ai suoi consigli cosa ho saputo fare oggi ......












Ingredienti

100 gr. di lievito madre rinfrescato
500 gr. di farina integrale
300 gr. di acqua
10 gr. di sale
semi di sesamo
olio per ungere

non mi stancherò mai di ripetere : ho messo fuori dal frigo il lievito madre, portato a temperatura ambiente e rinfrescato: 100 gr. di lievito madre, 100 gr. di farina di forza, 50 gr. di acqua. Io per rinfrescare il lievito madre uso sempre lo stesso tipo di farina, la manitoba.
A raddoppio   avvenuto  procedo all'impasto ( lo faccio il pomeriggio o la sera). Questa volta ho impastato a mano, un ottimo antistress rilassante ,oltre che gratificante per il risultato.Ma metto comunque il facile procedimento con la macchina del pane :

MDP:

inserire nel cestello nell'ordine l'acqua il lievito madre a pezzetti la farina e il sale . Avviare il programma per pasta che dura 15 minuti. In corso d'opera se necessario unire ancora uno o due cucchiai di acqua. L'impasto non deve essere duro.

A MANO:

In una ciotola versare la farina, allargare al centro e mettere il lievito madre , l'acqua e il sale. Sciogliere nell'acqua con le mani il lievito e a poco a poco inglobare il tutto alla farina. Versare ora sulla spianatoia e continuare a lavorare fino a che l'impasto è omogeneo unendo eventualmente 1 o 2 cucchiai di acqua.
Ungere una ciotola più grande con poco olio e dopo aver formato la palla con l'impasto metterlo nella ciotola unta, coprire con pellicola e mettere a crescere fino al giorno dopo. Io per il processo di lievitazione di questo tipo uso una ciotola con coperchio.
Al mattino cospargere il piano di lavoro con abbondanti semi di sesamo e versarvi l'impasto. La presenza dell'olio agevolerà il distacco dell'impasto dalla ciotola. Senza stressare l'impasto formare un filone che si ricoprirà di semini e con la chiusura verso il basso posizionarlo su leccarda coperta con carta forno. Con una lametta praticare dei tagli, coprire con un canovaccio umido e rimettere a lievitare per 2 ore.
accendere il forno alla temperatura di 220° modalità statico.








 Infornare per i primi 10 minuti a 220° quindi abbassare la temperatura del forno a 180°, togliere la pagnotta dalla leccarda e metterla direttamente sulla griglia proseguendo la cottura per altri 30 minuti.





Raffreddare su gratella.
Per comodità di gestione è possibile far riposare l'impasto in frigo per 12 ore.

23 commenti:

  1. Help me! sento un delizioso profumino di pane..................a quest'ora con un velo di marmellata sarebbe veramente il massimo! come sempre Brava!!!un caro abbraccio,Peppe.

    RispondiElimina
  2. Mi sembra di sentirne il profumo, che meraviglia Anna! <3

    RispondiElimina
  3. Anna, sei una maestra! E' stupendo, bellissimo!!! :D Chissà che bontà, con quei semi di sesamo poi... :P :P :P Complimenti e un bacio grande, buona giornata! :**

    RispondiElimina
  4. Condivido questo tuo amore. Il pane fatto in casa, con le farine scure e ricche, ha un sapore senza eguali !
    Questo sembra meraviglioso ! Ti abbraccio

    RispondiElimina
  5. Che spettacolo di pane!!!!!! devo anche io comprare la farina integrale.. Intanto indovina che ho in forno a lievitare?? la mia 1° pagnotta con PM e con farina si semola rimacinata... speriamo bene!!! smackkk

    RispondiElimina
  6. ma sei una maestra! e bravo pure vito! io adoravo le farine integrali :-) baciuzzi

    RispondiElimina
  7. Ma è meraviglioso! Gli hai messo paura eh! Povero Vito!

    RispondiElimina
  8. Wow Fernanda!!!! Io adoro la farina integrale e per questo pane farei follie!!! Grande!!!

    RispondiElimina
  9. Il tuo pane è una vera meraviglia poi con le farine integrali mi piace ancora di più

    RispondiElimina
  10. Annaferna questo pane mi fa venire voglia di condirlo con l'olio e via...gustarmelo così! Che buono! Un bacione!

    RispondiElimina
  11. Immagino il profumo della tua cucina appena hai sfornato il pane. Che meraviglia!

    RispondiElimina
  12. certo i consigli di sara papa sono stati preziosi...ma tu sei stata bravissima!!! Che pane meraviglioso!!! brava un bacione

    RispondiElimina
  13. Non ho parole... il pane è sempre un miracolo!! un bascione!

    RispondiElimina
  14. Tesoro passo x il buona notte.
    Purtoppo non so nulla di lievito madre quindi non potrei commentare so solo che io risultato e' bello bello :-)

    RispondiElimina
  15. Il profumo del pane appena sfornato è delizioso. Ne assaggerei volentieri una piccola fetta

    RispondiElimina
  16. Ciaoo, ammiro chi fa il pane ma oltre a non essere nelle mie corde ne mangiamo talmente poco e fare tanto lavoro per due persone solo non me la sento. Non sono food blogger ma di ricette ne ho anch'io e sono una brava pasticciona. Noi ci siamo viste nella pagina bloggalline anche se non mi avete mai vista di persona non viaggio per vari motivi. Mi sono aggiunta se non ti dispiace e faro tra breve per la quarta volta "anta" lascio fare i conti a te. Conosco la Puglia ci sono stata per 8 anni di fila in vacanzi tanti anni zona Gargano e non solo, Trani come Bari le conosco.Come Barletta e Vieste ho ancora amici. Buono il tonnarello ma qui a Trieste manco con la lampadina lo trovi. Buona giornata mia cara ci vedremo su FB. Edvige

    RispondiElimina
  17. Scusa posso prolungare il tempo di riposo fino alla sera dopo mettendolo magari in frigo?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Simonetta, si fa pure il passaggio in frigo

      Elimina
  18. "Mettere a crescere fino al giorno dopo" si intende in frigo, a temperatura ambiente o nel forno con la lucina accesa? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Michela, grazie di essere passata.
      Io impasto il pomeriggio o la sera.
      mettere a lievitare fino al giorno dopo a temperatura ambiente, a seconda delle temperatura puoi optare per il forno con lucina accesa, per comodità di gestione puoi anche passare in frigo per 12 ore. Ovviamente una volta rimesso a t.a. i tempi del primo raddoppio si allungheranno.

      Elimina
  19. Ciao...vorrei sperimentare questo splendido pane, posso cuocerlo nella macchina del pane secondo te?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Alice, grazie per essere passata da me :) , rispettando i tempi di lievitazione della pasta madre direi di si , magari ti consiglierei di provare con mezza dose.
      bacio

      Elimina

grazie per essere passati a farmi visita,qualunque sia il vostro commento ,è gradito.
I commenti anonimi non saranno pubblicati.