domenica 30 gennaio 2011

RAVIOLI RICOTTA E ZAFFERANO CON FUNGHI AL POMODORO









La domenica porta pasta fresca!! Finchè ci sono queste brutte giornate, trascorrere la domenica mattina in cucina a preparare qualcosa di godurioso mi gratifica un sacco!!

ingredienti

1 dose di  pasta fresca all'uovo

per il ripieno

1 cestino da 500 gr. di ricotta di pecora
1 bustina di zafferano
1 uovo
2 cucchiai di parmigiano grattugiato
sale e pepe q.b.

per il sugo

500 gr. di funghi freschi (io cardoncelli)
200 gr. di pomodorini rossi o 1 piccola scatola di pelati senza il sughetto di accompagnamento
50 gr. di olio
1 spicchio d'aglio intero
prezzemolo tritato
sale e pepe q.b.

Allestire la pasta fresca e darle il meritato riposo !
Nel frattempo in una ciotola mescolare la ricotta con gli ingredienti indicati



l'uovo,lo zaffferano, il sale il pepe



e il parmigiano...mescolare il tutto


Prendere la pasta e prepararsi a fare i ravioli







Fare delle lunghe strisce con la macchinetta tirasfoglia e spennellare  leggermente con uovo sbattuto











 e mettere tanti mucchietti di ripieno





quindi confezionare i ravioli







Mentre aspettiamo che asciughino prepariamo il condimento per questi ravioli  che davvero saranno di un gusto delicato e speziato insieme!


Puliamo e spezzettiamo i funghi , mettiamoli in padella con gli ingredienti.
Andranno cotti a fuoco viave e per massimo 10 - 15 minuti.
Acottura ultimata togliere l'aglio.
Aver cura di rigirare un paio di volte i ravioli per non farli attaccare al piano.
Lessare i ravioli e mantecare delicatamente nella padella con il sughetto.
Spolverare con parsimonia con parmigiano.






GHIOTTI!!!!

sabato 29 gennaio 2011

ORMAI E'.....LA TORTA DELLA NONNA

Ieri abbiamo festeggiato il compleanno di mia figlia Margherita e come sempre le ho preparato la torta....anche se è un  periodo che proprio non mi va di far dolci...la ricetta è sempre quella del link inserito variando di volta in volta , magari, la decorazione o la crema....








qualcuno ha gradito la novità sulla tavola




La dose del pandispagna è di 3 uova medie (190 gr. circa), in una teglia da 24 cm. di diametro.

la crema pasticcera da 1/2 litro di latte a cui ho unito 250 gr. di panna montata.
La torta bagnata con lo sciroppo di una scatola di ananas sciroppate mescolate a pezzi alla crema.
Un solo strato di farcitura
Decorata con ciò che avevo in casa:
Ciliegine candite, gocce di cioccolato e granella di riso soffiato





E aprendo il frigo Margherita ha detto a Viola :....Che bella la torta della nonna!!!






venerdì 28 gennaio 2011

ALICI MARINATE COME LE FACCIO IO

La Puglia è la regione d'Italia dove la cultura del pesce crudo è radicata da millenni.
Anche noi da pugliesi veraci ne consumiamo tantissimo , un modo che da me va per la maggiore è questo che sto per descrivervi.
Prima di tutto va fatta una premessa:
Nel pesce azzurro e in particolare nelle sue interiora si annida un parassita tossico per noi umani, l'Anisakis. Può provocare nausea vomito e alcune volte anche preoccupanti forme di allergia.
Oltre alla raccomandazione di eviscerare e lavare accuratamente il pesce destinato al consumo crudo , è importante che esso venga sottoposto all'abbattimento. Tra le mura domestiche dove non tutti possediamo un abbattitore industriale si raccomanda di racchiudere il pesce in busta ben sigillata e lasciato in congelatore con almeno 3 stelle che permette una temperatura di -18 gradi per almeno 96 ore, in questo modo oltre al rischio anisakis potremo difenderci anche da altri pericoli quali l'epatite A , la salmonella e escherichia coli.


ingredienti
1 kg di alici freschissime
300 gr. di aceto bianco
200 gr. di vino bianco
2 cucchiai colmi di sale fino
olio e.v.o.






L'operazione più fastidiosa per questa preparazione è quella di spinare le alici , che devono essere freschissime, privarle anche delle spine dorsali e eviscerarle per bene e LAVARLE ACCURATAMENTE AD UNA AD UNA SOTTO L'ACQUA CORRENTE!!
Quindi procedere all'abbattimento domestico del pesce

Fatta questa operazione non ci resta che preparare il mixer di aceto e vino e fatto uno strato di alici, cospargere di sale e coprire di liquido,uno strato di alici e unire sale e liquido, così fino a finirle e coprirle perfettamente di aceto.
Io a questo punto le metto coperte in frigo e le lascio a macerare tutta la notte.
Al mattino seguente le sgocciolo bene e le metto in un contenitore coprendole di olio.
Le consumo entro 4 o 5 giorni



completando la porzione con pepe macinato al momento.






giovedì 27 gennaio 2011

HO 2 ANNI......ha detto il mio blog!!!

HAPPY BIRTHDAY MY BLOG!!!





Grazie blog!!...Solo questo perchè tu sai quanto mi hai regalato in questi due magici anni della mia vita!!

PASTA E CICALE

Questa è la ricetta classica di casa mia e, diciamo pure,che si tratta  della ricetta tradizionale del mio paese per fare il sugo con le cicale di mare.
Spesso rappresentava la sera delle vigilie delle feste di fine anno il primo piatto che sostituiva il tradizionalissimo "sugo col capitone" per chi non amava questo pesce (io...vista la sua orribile somiglianza a un serpente brrrrr...) .







ingredienti
1/2 kg. di cicale di mare
1 scatola di pomodori pelati
o meglio 700 gr. di pomodori rossi freschi e pelati
1 spicchio d'aglio
prezzemolo
olio
sale
pepe
350 gr. di spaghetti 104 Voiello



Sciacquare le cicale che devono essere vive, altrimenti sono vuote!
Mettere a rosolare lo spicchio d'aglio intero nell'olio e unire i pomodori spezzettati



il prezzemolo tritato , Sale e pepe q.b.



Lasciar cuocere e restringere il pomodoro



quindi unire le cicale, coprire e far cuocere 15 minuti rigirando di tanto in tanto



Togliere le cicale dal sugo e conservarle al caldo per chi golosamente le gusterà dopo la pasta

che andrà scaldata e tolta al dente quindi lasciata insaporire nel sugo.
Impiattare spargendo prezzemolo tritato.











mercoledì 26 gennaio 2011

POLLO AL FORNO ALLA PIZZAIOLA

Questa ricetta l'ho importata pari pari da mia suocera e praticamente si è insediata nel mio ricettario prediligendola 8 volte su dieci quando si tratta di preparare il pollo al forno con le patate!
Pochi e essenziali gli ingredienti:
Vanno bene anche le cosce del supermercato io uso il pollo ruspante a pezzi
ingredienti

un pollo a pezzi senza la pelle
10 pomodorini
1 kg. di patate
1/2 bicchiere di vino bianco
origano
olio
sale e pepe


Pulire e affettare le patate.
sciacquarle emetterle ben scolate in un recipiente condendole con olio sale e pepe.
Nella teglia che andrà in forno, condire il pollo con origano ppomodorini olio sale pepe e vino bianco.
Rigirare con cura (anche con le mani) per far armonizzare gli ingredienti.
A questo punto coprire con le patate e irrorare ancora con poco olio





Infornare per 1 ora a 220° statico





Ho dimenticato la foto della preparazione impiattata!!!!



lunedì 24 gennaio 2011

QUICHE AI FUNGHI CHAMPIGNON

INGREDIENTI
1 dose di pasta brisèe all'olio
250 gr. di besciamella
100gr. di prosciutto cotto
150 gr. di auricchio dolce
1/2 mozzarella
1 uovo
2cucchiai di parmigiano grattugiato
400 gr. di funghi champignon
1 ciuffo di prezzemolo
2 cucchiai di olio
sale q.b.







prepariamo la pasta brisèe come è spiegato qui e mettiamola a riposare in frigo.
Affettare i funghi e velocemente saltarli in padella con prezzemolo sale , pepe e olio. Spegnerli appena l'acqua formatasi si sarà asciugata. Metterli a raffreddare.
Preparare la besciamella...cospargere di parmigiano senza mescolare così non si forma la pellicina .
Nel mixer tritare mozzarella, prosciutto e auricchio dolce.
Unire l'uovo e mescolare. Aggiungere questo composto alla besciamella ormai tiepida.
Ritagliare un disco di carta forno poco più largo della teglia da usare per cuocere la quiche ,io 26 cm. di diametro, e per questa dimensione di teglia la dose di pasta va via tutta per il fondo.
Stendere la pasta brisèe sul disco di carta forno e sistemare nella teglia con la pasta  che ricopre un po' i bordi   della teglia. Punzecchiare un pochino la base della torta e versarvi i funghi livellandoli bene. Quindi ricoprire questi con il composto di besciamella, ripiegare i lembi della pasta sul ripieno e infornare in forno caldo a 200° per circa 40 minuti.







giovedì 20 gennaio 2011

PASTA BASE PER TORTE SALATE BRISE'E ALL'OLIO

ingredienti

250 gr. di farina
80 gr. di olio
50-60 gr. di acqua molto fredda ( dipende dall'assorbimento della farina)
1 pizzico di sale

ho sperimentato questa versione di  impasto da usare come base per torte salate.
La trovo buona e la uso al posto di quella con il burro che preparo per torte dolci.
Con il salato mi piace accostare il gusto dell'olio di oliva.
Il procedimento è molto veloce come ben si sa per questo tipo di impasto.
Fatta la fontana alla farina sulla spianatoia unire acqua olio e sale impastando velocemente fino ad ottenere una pasta liscia e morbida.
Nel caso la farina lo richieda aumentare di qualche grammo la quantità di acqua.
avvolgere nella pellicola trasparente e porre in frigo per mezz'ora prima di utilizzare.

Non fatemi passare per banale con questo post.
Il blog è principalmente il mio salotto virtuale aperto con voi che mi seguite e leggete e che ogni giorno mi fate compagnia e mi rallegrate con le chiacchierate che ci scambiamo!
Ma sostanzialmente è anche il mio diario di ricette ed è per questo che sto inserendo anche le preparazioni base per tante golosità.
Lo faccio man mano che mi rendo conto di quello che manca.
Mi torna utile ...ormai quando devo preparare qualcosa consulto il mio blog e ho un po' accantonato le rubriche piene di fogli svolazzanti scritti in trasferta da amiche o fogli strappati a riviste varie.
Certo consulto spesso perchè , come dice  la mia fantastica amica, mi sono rimasti due neuroni e la memoria un po' vacilla ah ah ah!
Allora questa volta leggetemi così semplicemente e insomma una volta si può solo chiacchierare e passarsi qualcosa di banale no?
al prossimo post qualcosa di più acquolinoso!!

ah....dimenticavo quasi di scrivere che ho provato l'impasto anche nel bimby:

mettere nel boccale prima la farina e poi gli altri ingredienti quindi impastare 15 secondi a velocità 6.

martedì 18 gennaio 2011

MAZZANCOLLE AL GRATIN...come piacciono a mio figlio


questo secondo veloce di cottura richiede solo un po' di tempo per la preparazione che farà , però, la  felicità di chi si siederà davanti a un piatto così



.... Perchè lui "si scoccia a mangiare" ..non si vuole sporcare le mani e si sazia presto......beato lui!!!!!!!!!!
Allora

ingredienti
mazzancolle in quantità voluta
1  panura fatta con pangrattato finissimo
aglietto granulare
prezzemolo tritato
sale q.b.
pepe q.b.
fettine di limone

.proprio una ricetta essenziale e ai minimi termini!!!!!
Tagliare gli occhi ai gamberi, lo faccio sempre perchè se si rompono in cottura conferiscono un gusto amarognolo,sgusciarli lasciando testa e coda ed eliminare il filo nero sul dorso aiutandosi con un coltellino affilato .
Preparare la panura mescolando tutti gli ingradienti richiesti.
Ungere di olio una teglia da forno e sistemare i gamberi


cospargerli con il miscuglio senza eccedere



irrorare di olio


e infornare nella parte più alta del forno alla massima temperatura già raggiunta
per 7--8 minuti al massimo!!!
devono rimanere morbidi...una cottura prolungata li renderebbe stopposi




 servire con fettine di limone bio....
così gli piacciono.....e...però non bastano mai!!!!!
^___________________^

lunedì 17 gennaio 2011

BOCCONCINI DI DENTICE CON CREMA DI PORRI ALLO ZAFFERANO

INGREDIENTI
per i ravioli
300 gr. di pasta fresca all'uovo
200gr. di polpa di dentice bollita
sedano pomodoro carota e cipolla in piccole quantita per bollire il pesce
200 gr. di ricotta di mucca
1 trito misto di aneto,timo e maggiorana (5 g.)
1 bianco d'uovo
sale
pepe

per la salsa
1 piccolo porro (20 gr.)
1 noce di burro
1/2 bicchiere di vino bianco
1 cucchiaio di capperi grandi di Salina rinvenuti mezz'ora in acqua
1 bustina di zafferano
4 cucchiai di panna
qualche cucchiaio di acqua di cottura dei ravioli



Prima di tutto preparare l'impasto per la sfoglia e mettere a riposare .
Bollire il trancio di dentice (o qualunque pesce bianco) per dieci minuti con gli odori e poco sale


Liberare dalla pelle e dalle  spine e ridurlo in briciole.

Unire le spezie fresche tritate



e la ricotta





mescolare tutto in una ciotola regolando di sale e pepe e legando l'impasto con l'albume.
Se si preferisce mixare tutto nel robot da cucina.




Tirare la sfoglia e formare mucchietti di ripieno


ripiegare su se stessa la pasta pressando bene intorno al ripieno e tagliare i ravioli





Lasciarli asciugare un po' su un canovaccio rigirandoli dopo mezz'ora.



Appassire il porro col burro e acqua a fuoco dolce in padella con coperchio.
Unire vino bianco e capperi...alzare la fiamma e lasciar sfumare il vino.
I capperi non devono essere sott'aceto ma in salamoia o sotto sale...si lasceranno in amollo per eliminare il sale in eccesso.
Completare con panna e zafferano, eventualmente sale e pepe q.b.





Scaldare i ravioli

poi tuffarli nella salsa unendo eventualmente un paio di cucchiai di acqua di cottura dei ravioli, e impiattare



domenica 16 gennaio 2011

PASTA FRESCA ALL'UOVO

ingredienti
300 gr di semola rimacinata
3 uova
1 cucchiaio di olio


Impastare tutti gli ingredienti ottenendo una palla liscia e setosa .
Avvolgere in pellicola trasparente o mettere in una ciotola con un coperchio, lasciar riposare per almeno 1/2 ora a temperatura ambiente.
Stendere nello spessore opportuno.
Per tagliatelle, o pasta lunga che si vuole, per lasagne, per ravioli,per tortellini, per cannelloni o anche quadrucci o pastina da brodo.
Insomma , tranne che per le orecchiette, è la mia sfoglia jolly


PANE SEMIINTEGRALE CON SEMINI


Non ci credevo molto....e...non ho fotografato i passaggi!!
Avevo in frigo il lievito da rigenerare.
Il fine settimana l'ho un po' dedicato alla ricerca della macchina del pane, ma non l'ho comprata perchè ancora mi sento insicura sulla sua utilità.
Tant'è che per non ridurmi a dover chiamare il 118 dei lieviti ho deciso di soccorrere il mio moribondo e provare nel bimby

INGREDIENTI

200 gr. di L.M.
350 gr. farina 0
150 gr di farina integrale
1 cucchiaio di olio
350 gr di acqua t.a.
2 cucchiaini di sale

ho impastato il lievito madre a pezzetti con 250 gr. di acqua e l'olio per 10 secondi a velocità 4-5
Ho unito le farine e il sale e impastato per 30 secondi a velocità 5 con la rimanente acqua e poi 5 minuti a velocità spiga.
Quando lo facevo nel mio vecchio braun raddoppiavo i tempi, pensando che il mio nuovo amico è più potente li ho dimezzati!!
Sulla spianatoia cosparsa di semola rimacinata ho versato l'impasto, data con le mani una forma di rettangolo e arrotolato su se stesso
Nella leccarda coperta di carta forno ho messo il rotolo appena fatto e messo a  nanna tutta la notte nel forno spento.
Al mattino ho tirato fuori e messo un pentolino d'acqua sul fondo del forno, ho acceso a 220° statico.
Ho massaggiato con acqua la pagnotta moooolto delicatamente e sparso i semini.
Ho infornato per mezz'ora a quella temperatura e poi 20 minuti ventilato a 160°.Lasciato poi nel forno spento mezz'ora ancora e finito di raffreddare su una griglia. 






















Forse la macchina del pane non la compro più!!!
Si accettano consigli!!!!!!!