martedì 29 novembre 2011

TORTA SALATA DI PASTA BRISE' ALL'OLIO CON CIME DI RAPA


Durante l'inverno, ma soprattutto durante il periodo magico delle lunghe feste di dicembre. si associano le rape ai giorni di vigilia, accompagnandole con focacce ripiene di cipolla e  acciughe o pomodoro e mozzarella.
Mi sono ispirata agli ingredienti tradizionali di questo periodo per farcire una torta salata che entra a far parte del mio ricettario e ci rimarrà ben accolta e riverita!
........E questo è quanto ho scritto il giorno che ero per postare la ricetta.........poi ,come per tutti, nella vita all'improvviso arrivano le bufere...........e ci sono quelle che lasciano il segno con cicatrici indelebili nel cuore e nella memoria e quelle che puoi raccontare quasi con un leggero sorriso sulle labbra e con il conforto caldo caldo del "meno male come è andata" .
Il patriarca ci ha tirato un tiro mancino , ci ha fatto attraversare momenti di paura ma poi, la sua tenacia ha avuto il sopravvento su quella figura nera che voleva rapirlo e ha deciso con i suoi occhi vispi , il suo sorriso e l'eterno buonumore di restare con noi!! fiuuuuuu....che bello poter raccontare le storie a lieto fine!!!
quasi quasi rifaccio questa squisita torta salata ^_^





INGREDIENTI
una dose di pasta brisè all'olio
1/2 bustina di lievito istantaneo
300 gr. di cime di rapa
1 cipollotto fresco
1 spicchio di aglio
1 pezzetto di peperoncino
capperi sott'aceto
2 filetti di acciuga
50 gr. di provolone
1 cucchiaio di formaggio romano grattugiato
sale
pepe
olio

Pulire e lessare le cime di rapa. Scolarle e strizzarle, metterle a insaporire per 5 minuti  in una padella con 1 spicchio d'aglio e un pezzo di peperoncino. Togliere aglio e peperoncino e tenerle da parte.

Preparare la pasta brisee all'olio aggiungendo all'impasto anche mezza bustina di lievito istantaneo Paneangeli (pizzaiolo). Metterla a riposare per mezz'ora avvolta in pellicola.

Affettare il cipollotto e rosolarlo 5 minuti in un po' d'olio. Unirlo alle cime di rapa.

Stendere la pasta brisee su un pezzo di carta da forno e metterla in una tortiera con anche la carta da forno (diametro 24 cm), con la pasta che copra anche parte dei bordi della tortiera.
Sul fondo della base mettere i capperi e i pezzetti di acciuga, 1/2 cucchiaio di formaggio grattugiato, le cime di rapa con il cipollotto, scaglie di provolone e ancora formaggio grattugiato.
Ripiegare i bordi della pasta sulla torta, facendo aderire con i rebbi della forchetta al ripieno e punzecchiando qua e là.






 infornare in forno già caldo a 200° statico per 20-25 minuti o fino a doratura della pasta, coprendo la parte del ripieno di cime di rapa con un foglio di carta stagnola a metà cottura .









martedì 22 novembre 2011

SONO TORNATI:DENTICE AL FORNO PROFUMATO D'AUTUNNO



E ci risiamo, il corso e ricorso vale anche per i pesci e le prede del capitano!
Siamo tornati al periodo dei dentici.
Archiviati per quest'anno: saraghi, spigole e polpi, i "signori" del mare sono tornati ad occupare i pensieri di fine settimana del capitano.
E alla prima uscita....zac....centro!!
Il più piccolo si è sacrificato nel modo più semplice, da vero pesce lesso si è meritato un encomio!!
Il secondo ha subito una considerazione maggiore e di effetto con un risultato che ha stupito e appagato i sensi e le papille gustative di chi ha incontrato le sue carni morbide e saporite!
















ingredienti


1 dentice peso 3 kg. lordo
3 carciofi
200 gr. di zucca
1 patata media
1 bicchiere di vino
1 spicchio d'aglio
1 foglia di alloro
2 rametti di prezzemolo
1 cipollotto fresco
100 gr. di olio
sale
pepe


Come si vede in foto, per fortuna il capitano me li consegna a domicilio perfettamente eviscerati e squamati (per fortuna!!!!!).
Allora prendiamo il pesce, lo condiamo con un ciuffo di prezzemolo spezzettato, uno spicchio d'aglio a fettine una foglia di alloro sbriciolata, sale, 1/2 bicchiere di vino bianco e un giro d'olio. Copriamo e lasciamo a marinare per 2 ore rigirandolo un paio di volte.
Nel frattempo, puliamo e tagliamo a cubetti la patata e la zucca e sbollentiamole insieme per 4-5 minuti.
Pulire i carciofi, anche parte del gambo se è carnoso (e di solito di questo periodo lo è), tagliare a fettine sottili e cuocere in una padella dove avremo ammorbidito a fuoco dolce  con olio il cipollotto fresco affettato sottilmente . Stufare per 5 minuti i carciofi.
A questo punto in una scodella unire carciofi, patata e zucca. Aggiustare di sale e pepe e condire con il prezzemolo tritato.




 Mescolare.
Accendere il forno a 220° ventilato.
Prelevare il pesce dalla marinatura e liberarlo da aglio e alloro.







Filtrare la marinatura e unirla a zucca & c.
In una teglia da forno:mettere sul fondo l'olio e il pesce, quindi unire le verdure , irrorare ancora con poco olio, coprire con stagnola o coperchio adatto e infornare per 40 minuti.






Controllare se il pesce è cotto, ma comunque questa ricetta si può adattare a qualunque pesce bianco e quindi , per me, vale la regola che adotto sempre:20 minuti ogni mezzo kg.!




All'izio ho un po avuto quasi timore!
avevo paura che non riuscisse bene ma,ho una zucca da 8 chili da smaltire e qualcosa mi devo inventare.
Poi ricordando questa ricetta dove avevo unito al pesce i carciofi e che aveva avuto successo, mi sono buttata negli abbinamenti e il risultato è stato eccellente!





TRIGLIE ARROSTO


Le adoro! Le triglie dico, mi piace il loro profumo, il colore e il sapore. Anche se un po' spinoso e non di taglia ragguardevole, ma sono uno dei pesci più amati qui a casa da capitano & c. (io)
Troppo belle queste qui per non preparale nel modo più semplice e veloce.
Scaldarsi quasi ,gustandole bollenti e fumanti e.....leccarsi le dita, perchè questa delizia del mare qui ,non puoi mangiarla senza sporcarti le mani! Non avrebbe lo stesso gusto credetemi!!!!












ingredienti

triglie, prezzemolo, aglio, sale, pepe e abbondante olio!!!



Squamare ed eviscerare le triglie...e si, squamare, perchè anche se i canoni classici della cucina raccomandano di non squamare il pesce da fare alla griglia, nel caso delle triglie io non obbedisco!
Condire le triglie con gli ingredienti .








 Lasciarle insaporire dieci minuti, giusto il tempo di arroventare la griglia e cuocerle 5-6 minuti per lato








Banale? Si ma troppo buone per non ricordarle nel blog!!

domenica 20 novembre 2011

PICCOLO STUFATO DI ZUCCA E CALAMARI




La zucca mi piace, i calamari di più
ed ecco che ho combinato i due sapori in un connubio che mi ha lasciata appagata, nei colori , nel gusto e nel profumo










ingredienti
200 gr. di zucca a tocchetti
4 calamari di media grandezza (anche loro all'incirca lo stesso peso della zucca)
1 battuto di sedano carota e cipolla
qualche ago di rosmarino
50 gr. di olio
uno schizzo di vino bianco
sale e pepe


Stufare il battuto di aromi  nell'olio, senza che questi prendano colore. Versare la zucca a tocchetti e alzare la fiamma.
Far rosolare un pochino, quindi bagnare con il vino bianco.
Lasciare evaporare, unire il rosmarino, abbassare la fiamma e cuocere finchè la zucca sarà quasi cotta.
Nel frattempo eviscerare i calamari, eliminare gli occhi e il becco.
Unirli alla zucca e cuocere ancora 10 minuti!



Ho deciso che la prossima volta taglio a rondelle i calamari e ci condisco la pasta!!

venerdì 18 novembre 2011

LASAGNE ALLA ZUCCA


La zucca..la nostra amica in cucina in questo periodo.
A lungo ignorata, bistrattata derisa, oggi ha avuto la sua rivincita e prepotentemente la troviamo in diffuse manifestazioni della sua bontà dolci e salate!


Quando acquistate una zucca è importante che il prodotto sia sodo e ben maturo: il picciolo deve essere morbido e ben attaccato alla zucca. La buccia deve essere priva di ammaccature e deve emettere un suono sordo se le si danno dei leggeri colpetti.
Se comprate una zucca a pezzi, fate attenzione che il frutto sia ben maturo e sodo e che il pezzo tagliato non sia asciutto, e quindi che i semi siano umidi e scivolosi.
La zucca intera può essere conservata in ambiente buio, fresco e asciutto anche per tutto l’inverno; la zucca in pezzi invece, si conserva in frigorifero, avvolta nella pellicola trasparente e va consumata velocemente poiché tende a disidratarsi. La sua polpa può essere anche congelata, meglio se preventivamente sbollentata. ( notizie prese dal web )









ingredienti
per la sfoglia:
2 uova grandi
200 gr. di semola rimacinata
1 cucchiao di olio di oliva

per la zucca:
300 gr. di zucca (peso netto)
1 piccolo scalogno
130 gr. di pancetta a dadini
3 rametti di rosmarino
20 gr. di burro
1/2 bicchiere di vino bianco
noce moscata
pepe


per il ripieno:
300 gr. di ricotta fresca
500 gr. di besciamella
1 mozzarella
100 gr. di parmigiano reggiano
noce moscata
qualche cucchiaio di latte


Preparare l'impasto per la sfoglia e metterlo a riposo coperto per mezz'ora.
Nel frattempo sbucciare la zucca e tagliarla a cubetti.
In una padella sciogliere il burro e unire lo scalogno e il rosmarino tritati.
Far stufare dolcemente senza prendere colore.
Unire la pancetta e la zucca, il vino e cuocere finché la zucca sarà cotta.
Salare e pepare. Unire una generosa macinata di noce moscata.

Preparare la besciamella e metterla da parte.

Tirare la sfoglia con la macchinetta fino al penultimo numero. Deve essere sottile, perchè non va sbollentata.

Frullare 3/4 della zucca cotta con la pancetta.

setacciare la ricotta, unirla alla besciamella con la zucca frullata e quella rimasta intera.
A questo punto procedere ad assemblare.
Imburrare una lasagnera e fare uno strato di sfoglia, distribuire generosamente il ripieno.
Distribuire pezzetti di mozzarella.
Spolverare abbondantemente di parmigiano.
Proseguire fino ad esaurimento del ripieno e terminare con uno strato di ripieno.
Unire qualche cucchiaio di latte e scuotere la teglia per "accasare" bene.

Infornare a 220° ventilato, coperto per 20 minuti, quindi scoprire e proseguire la cottura per altri 10 minuti.





Lasciar riposare 10 minuti e gustare




martedì 15 novembre 2011

TRENETTE CON BROCCOLETTO SICILIANO E SEPPIA









ohhh ecco...finalmente un po' di tempo per me!!!!!!
riassetto della casa quasi terminato...eheheheh mi porto avanti per Natale!! *_^
così, tolta tutta la polvere accumulata in questa lunghissima estate di finestre ventiquattroresuventiquattro spalancate, vetri okkei, tende okkei...il resto pure....vasca piena di acqua bollente e schiuma profumosa...fatto...adesso posso finalmente tornare  al mio amatissimo blog!!!
Ammazza ma da quanto tempo non mi rilassavo con me stessa con sottofondo della buona musica!!!


Ma non è che non ho seguito tutte le amiche, quello si, ma che proprio non ho avuto tempo di scrivere e scaricare foto...cmq la cucina ha dato, ha dato anche in questi giorni....porta pasiensa.
Per esempio domenica .........














ingredienti


300 gr. di trenette (io 112 Voiello)
1 seppia del peso di 200 gr. almeno
240 gr. di cime di broccoletto siciliano
8 pomodorini rossi (datterino)
1 spicchio d'aglio
60 gr. di olio di oliva
1/2 bicchiere di vino bianco
1/2 peperoncino


Lessare le cime di broccoletto in acqua salata scolandoli al dente.
Tagliare a pezzetti la seppia.
In una padella ampia da contenere anche la pasta, rosolare l'aglio intero con 50 gr di olio.
Unire la seppia e rosolarla un paio di minuti.
Sfumare con il vino bianco e unire i pomodori tagliati a spicchi e il peperoncino. Cuocere 2 o 3 minuti, quindi unire 1/2 bicchiere d'acqua, salare, coprire e cuocere a fuoco dolce per 20 minuti. Eventualmente unire ancora poca acqua per rendere tenera la seppia.
Cuocere le trenette e scolarle 1 minuto prima del temine di cottura.
Versare cime di broccoletti e pasta nella padella con le seppie e terminare la cottura con qualche cucchiaio d'acqua della pasta. Unire il restante olio e servire.












mercoledì 9 novembre 2011

TORTA AL CACAO CON CREMA ALL'ARANCIA



Questo blog, questo web, la "mia finestra sul mondo",  il mio "circolo" dove ho conosciuto persone speciali e imparato ed insegnato trucchi, insomma una delle più belle esperienze che mi siano capitate!
Anche la crema usata  per questa torta mi è stata "passata" da una di quelle personcine speciali di cui sopra.
Un gusto delizioso che abbinato a quello del cacao quasi quasi ricorda una famosa merendina al gusto di arancia!







ingredienti

pandispagna al cacao tortiera da 18 cm di diametro

2 uova
150 gr. di zucchero
100 gr. di farina 00
30 gr. di maizena
20 gr. di cacao amaro in polvere
1/2 bustina di lievito per dolci

crema all'arancia (ricetta di Cri) con piccole variazioni

125 gr. di succo di arancia spremuto e filtrato
1 cucchiaio raso di fecola
1 bustina di vanillina
2 tuorli d'uovo
90 gr. di zucchero ( Cri ne ha messi 110)
4 cucchiai di panna montata (Cri 400 gr.)
100 gr. di ricotta (mia aggiunta)

per la bagna

100gr. di latte
2 cucchiai d'acqua
1 cucchiaio di zucchero
un goccio di liquore all'arancia

per decorare

250 gr. di panna montata
cioccolato fondente grattugiato



Montare le uova con lo zucchero e renderle spumose e chiare.
Unire farina,maizena e cacao in polvere. Lavorare ancora e per ultimo unire il lievito per dolci.
Versare in una tortiera imburrata e infarinata dal diametro di 18 cm e infornare in forno già caldo a 170° per 30 minuti (fare la prova stecchino)
.
Lasciar raffreddare il pandispagna e nel frattempo preparare la crema all'arancia.Sciogliere nel succo d'arancia filtrato i tuorli d'uovo, lo zucchero, la fecola e la vanillina.
Mettere sul fuoco e far addensare.
Ora riporre a intiepidire.
Intanto montare la panna.
Una volta fredda la crema di arancia, unire 4 cucchiai di panna e la ricotta.
Mescolare per rendere il tutto omogeneo.
Tenere il resto della panna in frigo e cominciare a farcire la torta.
Tagliare in due il disco di pandispagna.
Bagnare con il liquido preparato per la bagna.
Versare la crema all'arancia e livellare. Bisogna fare uno strato bello alto (vedi foto).
Coprire con l'altro disco della torta e bagnare anche questo.
Ricoprire il tutto con la panna e decorare a piacere con la siringa per dolci.
Grattugiare su tutta la superficie della torta il cioccolato fondente, oppure decorare come si vuole.





Dolce buonissimo, ma il giorno dopo è divino!!



  • martedì 8 novembre 2011

    LA TORTA DEL NONNO...




    Abbiamo festeggiato in allegra compagnia il compleanno di mio suocero: 86 anni!!
    Il mio compito, manco a dirlo, è stato quello di preparare la torta e portarla in pizzeria.
    Per un compleanno così importante ci voleva una torta con tanto affetto, come quello che può dare il cioccolato!









    ingredienti


    1 pan di spagna di 6 uova  (tortiera 32 cm di diametro)
    1/2 litro di crema pasticcera
    1/2 litro di crema al cacao
    300 gr. di panna da montare



     crema pasticcera al cacao
    1/2 litro di latte
    1 tuorlo d'uovo
    4 cucchiai di cacao amaro
    1 tazzina da caffè rasa di farina
    1 tazzina da caffè colma  di zucchero
    1/2 bicchierino di rum
    oppure 1/2 arancia non trattata infilzata in una forchetta
    stesso procedimento della crema pasticcera



    per la bagna


    300 gr. di latte
    2 cucchiai di zucchero
    3 cucchiai di acqua
    un goccio di liquore a piacere (io rum)

    per decorare


    150 gr. di cioccolato fondente
    150 gr. di riccioli di cioccolato (nei negozi specializzati)
    amarene allo sciroppo




















    Per tutto il procedimento riporto qui


    Una volta assemblata la torta lo riposta in frigo.
    Ho sciolto a bagnomaria il cioccolato fondente e una volta sciolto l'ho versato su un foglio di cartaforno e con una spatola livellato a pochi mm di spessore.
    Ho aspettato che si raffreddase e tagliato in tante schegge che ho distribuito sulla torta.
    Ho ricoperto i bordi con i riccioli di cioccolato e decorato con amarene allo sciroppo Toschi


























    La croccantezza delle sfoglie di cioccolato ha dato una marcia in più




    lunedì 7 novembre 2011

    FILETTO AL PEPE VERDE

    Un secondo piatto che è un classico della cucina italiana. 
    Ci sono varie versioni e io le ho provate, ma questa è quella che lascia tutti concordi.
    Io personalmente preferisco la versione senza panna con gli stessi ingredienti.






    ingredienti
    4 fette spesse 1,5 cm. di filetto
    4 cucchiai di olio
    2 cucchiai di pepe verde in salamoia
    125 gr. di panna per cucina
    1 cucchiaio di senape
    1 bicchierino di brandy
    poco sale


    legare le fette di carne lungo i bordi per permettere di mantenere la forma in cottura.
    Schiacciare i grani di pepe con il batticarne e pressarlo sulle fette da ambo i lati.
    In una padella scaldare l'olio e sigillare la carne rigirandola delicatamente.



    le foto sono pessime







    Toglierla dalla padella e tenerla in caldo tra due piatti.
    Nella padella versare il brandy e sfumare ( io lo fiammeggio , ma capisco l'impresa un po' "piromane" quindi va bene anche lasciarlo evaporare). Unire la panna e la senape e a fuoco dolce,  fare amalgamare per bene.
    Unire le fette di carne e lasciare che si impregnino dell'intingolo.












    non sene salva una (di foto)

    La carne deve rimanere al sangue ma dipende dai gusti!










    sabato 5 novembre 2011

    FOCACCIA SEMPLICE E VELOCE







    E dopo il pane non potevo tralasciare la possibilità di trasformare il magico e veloce impasto in una focaccia che potesse, almeno lontanamente, ricordare la pizza bianca romana che mi fa impazzire!!!
    Il risultato ci ha letteralmente lasciati con gli occhi spalancati e la bocca piena! ^___^
    Cinzia grazie ancora per questo favoloso suggerimento!








    ingredienti


    400 gr. di farina 00
    100 gr. di semola rimacinata
    370 gr. di acqua tiepida
    1/2 cucchiaino di miele
    10-12 gr. di sale fino
    10 gr. di lievito di birra.

    1 emulsione fatta con :
    4 cucchiai di olio extravergine di oliva
    4 cucchiai di acqua
    sale per condire


    Il procedimento dell'impasto e lo stesso del pane semplice e veloce .
    Quando la lievitazione sarà avvenuta, accendere il forno a 220° ventilato.
    Ungere una teglia del diametro di 32 cm. ( o usarne 2 più piccole) con poco olio (io ho spennellato il fondo della teglia).
    Dopo aver rovesciato l'impasto con la parte cosparsa di farina verso l'alto con le mani, prendendolo dal bordo, allargarlo SENZA SCHIACCIARLO.
    Posizionarlo nella teglia e infilando le mani sotto l'impasto, continuare ad allargarlo. La focaccia deve essere piuttosto sottile. Lasciarla riposare dieci minuti.
    Fare con la punta delle dita dei fossetti sulla superficie della pasta stesa.
    In una ciotolina emulsionare acqua e olio e con un cucchiaio ricoprire la superficie della focaccia con i fossetti che si riempiranno di emulsione.
    Cospargere con sale abbondante (io usato quello dal mulinello per averlo un po' più doppio del sale fino).
    Infornare per circa 20 minuti o fino a doratura.




    una focaccia o pizza bianca (visto che da noi la focaccia è
     tutt'altra cosa) davvero golosissima.













    venerdì 4 novembre 2011

    UN PANE SEMPLICE E VELOCE

    Per questa ricetta devo ringraziare  Cinzia che me l'ha passata.
    Trovo che sia un pane tappa buchi che si può preparare , come ho fatto io, un giorno che non si ha voglia di uscire ma invece sentire aleggiare per casa l'aroma del pane appena sfornato!
    Saltando tutti i canoni del pane fatto in casa, ci offre una simpatica alternativa veloce!!!
    L'aspetto del pane è invitantissimo e vale la pena di provarlo.
    Io ho apportato alcune modifiche nella quantità di sale ,nei modi di cottura  e nella qualità della farina ( sono fissata con la semola rimacinata!).







    ingredienti


    400 gr. di farina 00
    100 gr. di semola rimacinata
    1/2 cucchiaino di miele
    10 gr. di lievito di birra fresco
    370 gr. di acqua tiepida
    12 gr. di sale fino ( circa 1/2 cucchiaio)


    Mescolare le due farine e metterle in una ciotola.
    In un piccolo recipiente con un poco dell'acqua prevista tra gli ingredienti sciogliere il miele e il lievito.
    Armandosi di forchetta mescolare le farine e versare lievito e miele sciolti , quindi il resto dell'acqua e il sale.
    Mescolare con la forchetta il tempo di far amalgamare il tutto ( ci vogliono davvero pochi secondi).
    Cospargere l'impasto appiccicoso con una generosa manciata di farina.
    Coprire e mettere a lievitare per un'ora e mezza nel forno spento con la luce di cortesia accesa.
    Trascorso il tempo , su un ripiano cosparso di farina, far cadere con l'aiuto di una spatola l'impasto facendo in modo che la parte con la farina resti in alto.
    Accendere il forno a 220° ventilato.
    posizionare una teglia da forno con 2 dita d'acqua sul fondo del forno.
    Con un coltello tagliare in tre nel senso della lunghezza l'impasto formando SENZA SCHIACCIARE tre filoncini.
    Sistemare i filoncini su una teglia da forno coperta di cartaforno ,distanziati un pochino perchè crescono un po' in cottura.
    Infornare per 30 minuti.
    Dopo 20 minuti abbassare la temperatura del forno a 200°, togliere la teglia con l'acqua e mettere i filoncini direttamente sulla griglia del forno. Terminare la cottura.
    lasciare nel forno spento con lo sportello semiaperto ancora 15 minuti e terminare di raffreddare su una griglia.










    Come tutte le cose veloci ha durata breve.
    A mio personale parere e eccezionale appena sfornato e mangiato quasi tiepido ma, poi fino a sera diventa un po' gommoso ma si può facilmente ovviare a questa peculiarità riscaldandolo un po'.
    Credo che dipenda dalla quantità di liquidi rispetto a quella dei solidi che di solito nel pane tradizionale che preparo è 1 a 2 Cioè 1 parte di liquidi e 2 di solidi (500 gr. di farina e 250 gr. di acqua ).
    Ma sulla tavola a pranzo fa la sua.....figura!!
    Non mi esprimo sul  pezzo appena sfornato, tagliato e farcito con mortadella appena affettata!!!


    giovedì 3 novembre 2011

    TAGLIATELLE FUNGHI E SPINACI



    Ora che sono tornate le giornate uggiose e piovose torna prepotentemente la voglia di mettere le mani in pasta.
    Che sia pane, focaccia o pasta fresca l'importante è potersi dedicare all'arte del fatto a mano.
    Questa ricetta viene da molto lontano nel tempo.
    Anni , tantissimi anni fa in una estate ,con i piccoli ( parlo di ventitrè anni fa....una vita!) , andammo a trascorrere qualche giorno in Abruzzo.
    Visitammo la deliziosa Scanno con il suo lago e non mancò una escursione alla "Camosciara" nel parco Nazionale d'Abruzzo.
    Chi conosce questi posti sa bene che ti entrano nel cuore e difficilmente li dimentichi.
    Non mancammo di visitare Sulmona, la città dei confetti e proprio durante questa visita in un ristorantino in una viuzza di cui è impossibile ricordare il nome a distanza di tanti anni gustammo questo piatto che entrò subito nel mio ricettario.
    La pasta in questione allora erano i famosi"spaghetti alla chitarra", attrezzo che io ho ma non me ne sono ricordata al momento!!!!
    comunque anche con le tagliatelle il risultato è stato squisito, vorrà dire che sarà un modo per rifare questa gustosissima ricetta!!!












    ingredienti
    400 gr. di tagliatelle fresche all'uovo
    200 gr. di  funghi freschi 
    1 spicchio d'aglio
    100 gr. di pancetta a dadini ( se piace il gusto affumicato usare lo speck)
    500 gr. di spinaci
    50 gr. di burro (o olio)
    sale q.b.
    pepe q.b.
    parmigiano

    Preparare la sfoglia fresca, lasciarla asciugare un po' e tagliarla a tagliatelle









    Pulire e affettare i funghi.
    In una padella sciogliere il burro e unire la pancetta a dadini lasciandola andare a fuoco moderato fino a quando la parte grassa sarà diventata trasparente.
    Ora unire i funghi e lo spicchio d'aglio intero infilzato ad uno stuzzicadenti  per renderlo facilmente visibile e poterlo eliminare al momento giusto.
    Salare e alzare la fiamma , i funghi cacceranno la loro acqua.
    Nel frattempo avremo pulito e lessato gli spinaci.
    Strizzarli e tritarli con la mezzaluna.
    Unirli ai funghi, farli insaporire bene e correggere di sale e pepe.










    Scaldare le tagliatelle e una volta scolate saltarle nella padella con i funghi e gli spinaci.
    Servire i piatti con una generosa spolverata di parmigiano.










    mercoledì 2 novembre 2011

    PETTO DI POLLO E FUNGHI SEMPLICISSIMO





    Funghi, funghi, funghi, tempo di funghi....li adoro! li mangerei anche crudi! Si lo so che si fa, ma ancora non ho avuto il "coraggio".
    Invece in cucina li preparo in qualunque modo e anche questa volta complice un petto di pollo di gallina ruspante è venuto fuori un secondino (non quello che sorveglia i carcerati eh?)  ^___^
    davvero gustoso che mi ha soddisfatta!
    Per gallina ruspante






    foto presa dal web


    si intende un animale che razzoli per l'aia e non sia tenuto in batteria, che non venga indotto con luce artificiale a deporre uova,  e che viva insomma alla giornata.
    Depone le uova dove gli capita e l'allevatore ogni giorno fa la caccia al tesoro.
    Si ciba di alimenti naturali come verdura, pane raffermo e crusca e una volta preparato per la pentola  :(  ,dopo una vita felice in libertà, regala a noi la felicità di una carne soda saporita e sana.
    Almeno così mi ha detto l'allevatore dove compro uova e gallina  ^_^ 
































    ingredienti (per 2 persone)


    2 fette di petto di pollo tagliate un pochino spesse
    60 gr. di funghi freschi
    1 pizzico di aglio granulare
    1 ciuffetto di prezzemolo
    20 gr. di olio evo
    2 cucchiaini di maizena
    3 cucchiai di acqua
    sale e pepe


    Tutto è molto semplice e in un solo passaggio.
    spennellare una padella antiaderente con poco olio e sistemare le fette di petto di pollo.
    Sciacquare e affettare i funghi , distribuirli sulle fette di carne.
    Cospargere con prezzemolo, aglio, sale e pepe. Finire di condire con l'olio.




    notare il colore della carne





    Cuocere a fuoco allegro girando più volte le fette di carne.
    A cottura avvenuta unire 2 cucchiai di acqua e la maizena fatta cadere da un colino a maglie fitte.
    Lasciare addensare  et voilà.






    Eccolo con la sua deliziosa cremina.